Livorno: città del cinema nei libri e sullo schermo

cinema, biblioteca labronica, Fondo Athos Rinaldi, Marco Sisi, Livorno super starIl cinema è una delle mie grandi passioni. Ed un aspetto che mi piace di questa città è proprio il suo particolare rapporto con il cinema. Dai primissimi spettacoli di fine ‘800 presentati sull’allora Spianata dei Cavalleggeri, dove ora c’è la bellissima Terrazza Mascagni, ai recenti successi del regista labronico Paolo Virzì. Ve ne ho parlato, o meglio, scritto, anche recentemente raccontando la mostra del fotografo Paolo Ciriello, che appunto mette spesso a servizio del cinema la sua capacità di catturare in un click momenti del set ed espressioni uniche di attori ed attrici.

In quel post ho accennato anche che nel luogo di allestimento della mostra, ovvero il primo piano della Villa Fabbricotti, struttura pubblica adibita a biblioteca, circondata dal verde, a due passi dal centro città, è custodito un piccolo tesoro che ancora una volta sottolinea il rapporto tra Livorno e la settima arte, ovvero il Fondo Bibliografico “Athos Rinaldi”, donato alla comunità pubblica dalla famiglia Rinaldi, dopo la scomparsa del creatore di quella raccolta, Athos appunto, chimico di professione ma amante del cinema ed autodidatta del suo studio ed approfondimento, ha dedicato una vita a raccogliere e collezionare (e leggere) libri e riviste di cinema.

Ogni anno la famiglia insieme alla Biblioteca Labronica “F.D. Guerrazzi”, Istituzioni pubbliche e con il supporto dell’Associazione “Livorno città del Cinema” che lo stesso Rinaldi, insieme ad altri amici, creò nel 2002, promuove un incontro pubblico per ricordare la figura di Athos, valorizzando allo stesso tempo il Fondo Bibliografico e promuovendo lo studio della cultura cinematografica approfondendo così il rapporto tra il cinema e la città.

Così è stato lunedì scorso, 28 maggio, con l’iniziativa, molto partecipata, strutturata sulla presentazione del lavoro audiovisivo e bibliografico di un altro livornese doc, videomaker, amante del cinema e montatore di professione, Marco Sisi, autore del volume Livorno Superstar. La mia città dentro il cinema (ETS 2005) e dell’omonimo documentario, in cui sono raccolte le immagini di tutti quei film che hanno impresso Livorno ed i suoi paesaggi come scenario delle loro storie. Un bellissimo viaggio nella città di celluloide. Durante il pomeriggio è stato proiettato anche un documentario “Jewels of Tuscany” sulla Livorno di cinquant’anni fà (http://www.youtube.com/watch?v=oYT_UkDPXfQ)

Un accurato lavoro, quello di Marco Sisi, nel quale scoprire o riscoprire quel legame indissolubile a cui mi riferivo all’inizio di questo post. Un emozionante viaggio per conoscere meglio il profilo di questa nostra città e ricordare quello che oramai non c’è più.

 

 

I quindici anni delle Gelaterie Sconsacrate

virginiana miller, gelaterie sconsacrate, simone lenzi, tutti al amreTutti al mare, tutti al mare mamma chiama i bambini per farmi giocare con loro sul mare ma riesco a fuggire e ogni tanto mi accorgo che babbo si perde a guardare le donne del mare tutte nude, tutte al mare. Mamma non vuole comprarmi la noce di cocco e mi porta a bagnare la testa con l’acqua di mare, che il sole comincia a scottare.Poi tira fuori i panini con l’olio e col sale, con la pipì del cane, buttalo, buttalo in mare, e sono a sedere sulle ginocchia del mio più forte zio… quello che a forte dei marmi ha vinto una gara di tiro al piattello, ed una di ballo liscio e che oggi è venuto con noi qui al mare e c’è anche la zia che rimane a guardare mentre noi ci tuffiamo nel mare perchè lei dice che oggi il bagno non lo può fare e nella testa ha la rima micidiale delle canzoni italiane che sono state scritte tutte sulla riva del mare tutti al mare, tutti al mare ad affogarci nel mare…

Era il 1997…da Pisa quella mattina partimmo presto per Milano, in macchina. Quindici anni sono passati da quando ho ascoltato per la prima volta (in audio-cassetta!) i Virginiana Miller, allora un gruppo mai sentito prima che mi dicevano essere della vicina Livorno, l’album era “Gelaterie Sconsacrate”, loro disco d’esordio. Il titolo mi incuriosì subito, ma il vero colpo di fulmine fu la seconda traccia Tutti al mare. C’è tutto il mio mondo in quella canzone, potrei ascoltarla all’infinito nella sua perfezione narrativa ed emozionale, nella sue sonorità pulite, intime che ti graffiano dentro e ti portano altrove…perché quando hai il dono di saperle usare, le parole, puoi andare ovunque proprio come quei treni direttissimi altrove. E, loro i Virginiana, ci sono andati, eccome se ci sono andati! Tutto il disco è un po’ come una libecciata che ti scompiglia i capelli e ti fa sentire viva. E proprio come dopo una libecciata, sulla riva del mare si trovano oggetti, resti di storie, frammenti, così dopo aver ascoltato “Gelaterie Sconsacrate” ti ritrovi a raccogliere sensazioni, emozioni…

Da allora i Virginiana Miller hanno pubblicato altri 4 dischi, uno più bello dell’altro, Italiamobile (1999), La verità sul tennis (2003), Fuochi fatui d’artificio (2006), Il primo lunedì del mondo (2010), e ne stanno preparando uno nuovo per il 2013, senza contare che recentemente il frontman, voce ed autore dei testi del gruppo, Simone Lenzi, ha pubblicato il suo primo romanzo La generazione (di cui magari parleremo in altra occasione).

Nel frattempo i Virginiana sono riusciti a levarsi una gran bella soddisfazione facendo un regalo a tutti i loro appassionati. Ormai introvabile da anni “Gelaterie Sconsacrate”, quel disco che tanto mi colpì, è finalmente tornato a nuova vita grazie ad una attesissima ristampa che lo ripropone al pubblico in una rinnovata veste grafica. Il 29 maggio la data ufficiale di uscita (su CD, vinile e digitale), come da alcune settimane ha anticipato anche un emozionante ed intenso trailer: http://www.youtube.com/watch?v=GIIGNDwzj58

Le “nuove” Gelaterie Sconsacrate, ora riconsacrate, sono state presentate in anteprima sabato scorso al The Cage Theatre, a Livorno, con un concerto dove i Virginiana hanno riproposto magistralmente, con nuovi arrangiamenti, tutti i brani del disco. Un piccolo grande evento.

Ed in molti questa estate torneranno a tuffarsi in quel mare di musica e parole che contraddistingue da quindici lunghi anni la dimensione assoluta di questo storico gruppo evergreen di Livorno che prende il nome da una pianta scovata in un angolo dell’Orto Botanico di Pisa.

 

 Foto: cover di Valerio Griselli

 

 

Weekend… tutti gli appuntamenti!

teaterofficina refugio, libreria edison, don nesi corea, biblioteca labronicaEccoci al weekend… i dettagli su http://www.liperli.org/calendario/

 




Venerdì 25

ECOMonti Livornesi

10:00 
Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


17:30 
COME SI FACEVA UN TEMPO @ TeatrOfficinaRefugio Livorno 


18:00 
CALEIDOSCOPIO @ Libreria Edison 
Livorno

18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficinaRefugio 
Livorno

21:00 
Cinema di maggio @ Ass. Don Nesi Corea 
Livorno

21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

Sabato 26

 

10:00 COGNIZIONI UTILI di Yonel Hidalgo Perez @ Biblioteca Labronica “F.D Guerrazzi” – Villa Fabbricotti 

Livorno

10:00 
Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno 


10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


10:30 
PRIMAVERA @ PARCHI E MUSEI DELLA VAL DI CORNIA 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatOfficinaRefugio 
Livorno

18:30 
Un museo per gioco @ MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI CECINA / PARCO ARCHEOLOGICO DI SAN VINCENZINO / MUSEO DELLA VITA E DEL LAVORO DELLA MAREMMA SETTENTRIONALE 


21:00 I Promessi Sposi, l’Opera in Musical @ Cinema Teatro Salesiani 21:30 Livorno

21:30 PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

Domenica 27

 

10:00 COGNIZIONI UTILI di Yonel Hidalgo Perez @ Biblioteca Labronica “F.D Guerrazzi” – Villa Fabbricotti 
Livorno

10:00 
Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
Laboratorio popolare di rap METTITI IN RIMA (non in riga) @ TeatrOfficina Refugio 
Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


10:30 
PRIMAVERA @ PARCHI E MUSEI DELLA VAL DI CORNIA 


18:00 
Eventi @ Libreria Edison 

Livorno

18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficinaRefugio 
Livorno

18:30 
Un museo per gioco @ MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI CECINA / PARCO ARCHEOLOGICO DI SAN VINCENZINO / MUSEO DELLA VITA E DEL LAVORO DELLA MAREMMA SETTENTRIONALE 


21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

 

Come si faceva un tempo. Piccolo mercato di scambio, riuso e autoproduzione

teatrofficina refugio, take it easy, baratto, Ci sono dei piccoli avvenimenti che riescono a cambiare per un giorno (un pomeriggio) il modo di vivere nella tua città e riscrivere il tempo, le abitudini, mescolare le emozioni, riscoprendo tradizioni perdute e cancellate dalla velocità della vita di tutti i giorni. Venerdì 18 (prossimo appuntamento venerdì 25 Maggio), in occasione di Ecologia e Riciclo Urbano (un mese dedicato a dibattiti, spettacoli, laboratori, assaggi e baratto, per alimentare lo scambio di competenze e di idee ecologiche nello sviluppo di una concreta soluzione possibile) ideato e ospitato dal Teatrofficina Refugio, l’associazione Take it Easy (attiva da anni sul territorio) ha organizzato un piccolo mercato di scambio e riuso. Stuoie e teli per allestire il proprio spazio e cesti o scatole per esporre oggetti, vestiti da barattare bastano ad allestire con semplicità un luogo.

L’iniziativa sarà ripetuta venerdì 25 maggio dalle 17 alle 20 ed il fatto che avvenga in uno dei quartieri più belli della città e in un luogo occupato ed autogestito dà un valore aggiunto all’evento.

Quindi… non mancate!

 

 

http://www.associazionetakeiteasy.it/info/

http://www.myspace.com/takeiteasymagazine

http://www.flickr.com/photos/takeiteasymagazine/

 

foto: TeatrOfficinaRefugio

Weekend… tutti gli appuntamenti!

livorno, teatrofficina refugio, teatro c, teatro goldoni, don nesi corea, Primavera della ScienzaEccoci al weekend… i dettagli su http://www.liperli.org/calendario/

 




Venerdì 18

 

10:00 Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
La Venezia Open Space Art @ Scali del Monte Pio 
Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


17:30 
COME SI FACEVA UN TEMPO @ TeatrOfficinaRefugio Livorno

18:00 
I SANTINI DEL PRETE @ Galleria Il Melograno 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficinaRefugio Livorno

19:00 
joel rafael in concerto @ Piombino 


21:00 
Cinema di maggio @ Ass. Don Nesi Corea 
Livorno

21:00 
Programma @ Teatro Goldoni 
Livorno

21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

Sabato 19

 

10:00 Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
La Venezia Open Space Art @ Scali del Monte Pio Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


10:30 
PRIMAVERA @ PARCHI E MUSEI DELLA VAL DI CORNIA 18:00 
I SANTINI DEL PRETE @ Galleria Il Melograno 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficinaRefugio 
Livorno

18:30 
Un museo per gioco @ MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI CECINA / PARCO ARCHEOLOGICO DI SAN VINCENZINO / MUSEO DELLA VITA E DEL LAVORO DELLA MAREMMA SETTENTRIONALE 


20:45 
ESCAPE THE CAGE @ The Cage Theatre Livorno


21:00 
Programma @ Teatro Goldoni 
Livorno

21:15 
BAD LOVE EXPERIENCE IN CONCERTO @ TWO BEACH

21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

Domenica 20

 

10:00 Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
La Venezia Open Space Art @ Scali del Monte Pio Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


10:30 
PRIMAVERA @ PARCHI E MUSEI DELLA VAL DI CORNIA 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficinaRefugio 
Livorno

18:30 
Un museo per gioco @ MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI CECINA / PARCO ARCHEOLOGICO DI SAN VINCENZINO / MUSEO DELLA VITA E DEL LAVORO DELLA MAREMMA SETTENTRIONALE 


21:00 
Madama CI @ Newroz – PI 


21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

 

Livorno noir, Livorno pulp! Win For Death. L’ultimo reality di Daniele Cerrai

 

daniele cerrai, libreria gaia scienza, win for death, Più si vive a Livorno, più si scoprono aspetti a prima vista nascosti della sua identità. Un’identità multipla, plurale, espressa a più voci e raccontata da diversi punti di vista attraverso varie attività, discipline, linguaggi. Tra questi anche la scrittura, la letteratura, anche se, a dire il vero, fino ad alcuni anni fà latitava una vera e propria narrativa di autori labronici (ricca invece la tradizione poetica e la saggistica), soprattutto delle generazioni più giovani, quelle cresciute tra la fine degli anni ’70 e la metà dei ’90. Poi, anno dopo anno, hanno iniziato ad emergere dai cassetti racconti e storie e ci siamo imbattuti in nuove opere ed in nuovi autori: da Emiliano Dominici ad Aldo Galeazzi, entrambi ad esempio editi dalla locale casa editrice Erasmo, legata alla Libreria Gaia Scienza, che si trova in pieno centro (via di Franco 12).

 

Tra questi ne spicca però uno, decisamente atipico (come molti contratti di lavoro del nostro tempo), che negli ultimi anni ha saputo dare continuità alla scrittura nella forma romanzo, creando per altro un’ottima sinergia tra il libro ed internet: Daniele Cerrai. Nato a Livorno nel 1977, esperto in tematiche ambientali e molto attivo e conosciuto in città e non solo per il suo impegno sociale, Cerrai ha esordito nel 2009 con Non è tempo di eroi (Zona), un romanzo pulp ambientato in una città di porto che somiglia tanto alla nostra Livorno, nella quale l’autore si addentra, fino al cuore, scoprendone l’ “orrore” nascosto. Poi nel maggio del 2011 ha bissato con la pubblicazione de Il circo Ivankovic (Round Robin), un romanzo ambientato in una generica periferia di una ancora più generica cittadina di provincia, dove il senso comune è geneticamente modificato e condizionato da falsi miti, cattiva cronaca e leggende metropolitane. Ed arriviamo così al recente Win for Death. L’ultimo reality, il suo terzo romanzo, questa volta autoprodotto e distribuito (da metà aprile scorso) inizialmente in rete in formato PDF, per poi trovare sostanza cartacea, con la formula del Creative Commons (nell’edizione stampata e pubblicata da MediaPrint Livorno). Un racconto polifonico ambientato in una Roma del nostro tempo all’orizzonte del quale si profila una sorta di apocalisse, come si dice vorrebbe il famoso calendario Azteco, nel quale agiscono, cinici, quattro oscuri personaggi legati ad una società segreta dedita ad inventarsi svaghi, fino ad inventarsi lo svago finale, ovvero giocare, scommettendo, sulla (e con la) vita degli altri.

 

Buona lettura!

 

Domani pomeriggio il libro sarà presentato alla libreria Gaia Scienza alle ore 18, ovviamente alla presenza dell’autore introdotto da Paolo Bruciati.

 

 

 

“Win For Death – L’ultimo reality” booktrailer

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=vM_atvpZqao

 

http://www.editricezona.it/nonetempodieroi.htm

 

http://www.ilcircoivankovic.it/

 

http://winfordeath.it/

 

 

Giù le mani dalla Cala del Leone!

cala del leone, mare,Non è stato un bel risveglio quello che i livornesi hanno ricevuto qualche giorno fà: “La Cala del Leone (spiaggia cult della costa labronica), in parte, diventerà zona privata a pagamento con tutte le attrezzature adeguate, lettini sdraio e ombrelloni. Questa è una notizia che in città proprio non si riesce a buttare giù “come l’ovo sodo”! Subito è partita una protesta sul web in perfetto stile livornese con tanto di commenti esilaranti e battute, senza però tralasciare l’amarezza per la perdita di un angolo di mare libero. Certo scendere alla cala e vedere una fila di ombrelloni “stile bagni” tutti uguali piazzati non fà un bell’effetto per chi da anni e da generazioni è legato a quel pezzo di terra e di mare. Speriamo solo che ci sia una convivenza pacifica tra chi utilizzerà i nuovi servizi e chi continuerà a stendere l’asciugamano sulla spiaggia e magari vedere meno spazzatura (negli ultimi anni stava diventando un problema lo smaltimento dei rifiuti). Staremo a vedere, fatto sta che un pezzo di storia livornese si è conclusa e sempre meno sono luoghi di mare ad accesso libero cosa che, alla fine, dovrebbe essere un diritto.

 

 

Foto: Quercianella info

 

Weekend… tutti gli appuntamenti!

 


Livorno, Castello Pasquini, TeatrOfficina Refugio, Teatro C, Teatro Goldoni, Edison, Don Nesi CoreaTantissimi gli appuntamenti per il weekend… i dettagli su http://www.liperli.org/calendario/

 



Venerdì 11

 

9:30 Il bambino S-paesato @ Castello Pasquini 


10:00 
Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


18:00 
GLI INCONTRI DELLA SETTIMA @ Edison 
Livorno

18:00 
I SANTINI DEL PRETE @ Galleria Il Melograno 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficina Refugio 
Livorno

19:30 
Mostra d’Arte Contemporanea di Cristina Guarducci @ club enoculturale La Botte Piccola 


21:00 
Cinema di maggio @ Ass. Don Nesi Corea 
Livorno

21:00 
Programma @ Arsenale – PI 


21:00 
Programma @ Teatro Goldoni 
Livorno

21:00 
Ricercare il Teatro @ Centro Culturale Cantiere Sanbernardo Pisa 


21:00 
Settimana @ Teatro C 
Livorno

21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

Sabato 12

 

9:30 Il bambino S-paesato @ Castello Pasquini 


10:00 
Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


10:30 
Finesettimana @ Val di Cornia 


10:30 
PRIMAVERA @ PARCHI E MUSEI DELLA VAL DI CORNIA 


15:30 
ANIMALIANIMATI: BIG BOOM @ Museo di Storia Naturale del Mediterraneo 
Livorno

16:00 
ALIMENTA GRATIS LA MENTE @ Coop Cecina 


18:00 
GLI INCONTRI DELLA SETTIMA @ Edison 
Livorno

18:00 
I SANTINI DEL PRETE @ Galleria Il Melograno 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficina Refugio 
Livorno

18:30 
Un museo per gioco @ MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI CECINA / PARCO ARCHEOLOGICO DI SAN VINCENZINO / MUSEO DELLA VITA E DEL LAVORO DELLA MAREMMA SETTENTRIONALE 


19:30 
Mostra d’Arte Contemporanea di Cristina Guarducci @ club enoculturale La Botte Piccola 


21:00 
Programma @ Arsenale – PI 


21:00 
Programma @ Teatro Goldoni 
Livorno

21:00 
Ricercare il Teatro @ Centro Culturale Cantiere Sanbernardo Pisa 


21:00 
Settimana @ Teatro C 
Livorno

21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

Domenica 13

 

9:30 Il bambino S-paesato @ Castello Pasquini 


10:00 
Nocturn matinal @ GUASTALLA CENTRO ARTE 
Livorno

10:15 
Primavera della Scienza edizione 2012 @ Livorno 


10:30 
Finesettimana @ Val di Cornia 


10:30 
PRIMAVERA @ PARCHI E MUSEI DELLA VAL DI CORNIA 


18:00 
I SANTINI DEL PRETE @ Galleria Il Melograno 


18:30 
SAPORI LIVORNESI @ TeatrOfficina Refugio 
Livorno

18:30 
Un museo per gioco @ MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI CECINA / PARCO ARCHEOLOGICO DI SAN VINCENZINO / MUSEO DELLA VITA E DEL LAVORO DELLA MAREMMA SETTENTRIONALE 


19:30 
Mostra d’Arte Contemporanea di Cristina Guarducci @ club enoculturale La Botte Piccola 


21:00 
Programma @ Arsenale – PI 


21:00 
Programma @ Teatro Goldoni 
Livorno

21:00 
Settimana @ Teatro Livorno

21:30 
PROGRAMMA MAGGIO @ BORDERLINE CLUB PISA

 

 

70m2 che lasciano il segno!

70M2TavoleFumetti.jpg

Nel cuore di questa strana e contraddittoria città d’adozione che è Livorno, a due passi dall’Attias ed ancora meno da P.zza della Vittoria, è nato pochi anni fa su iniziativa di 3 architetti lo studio d’architettura nonché spazio espositivo 70m2, un luogo che da subito si è connotato come contenitore capace di adattarsi al contenuto ospitato all’insegna della contaminazione tra ambiti, arti e differenti discipline, espressi da individui e gruppi accomunati dalla creatività e dalla ricerca. Nei 70 metriquadrati di Via Poggiali 10 (questo l’indirizzo preciso) si sono incontrati nel tempo architettura, cibo, design, fotografia, musica, e spesso calici di buon vino.

Recentemente 70m2 ha dato spazio ad una delle tante discipline artistiche che hanno forte tradizione in città in termini di esperienza e talento espresso, ovvero il fumetto (comprendendo l’illustrazione in genere, quindi anche declinato alla vignetta, alla satira: non a caso Livorno è la casa madre del mensile satirico di respiro nazionale Il Vernacoliere), con l’allestimento “Lasciare il segno”, strutturato sull’esposizione di alcune tavole inedite e non di 4 autori che hanno animato due differenti appuntamenti nelle ultime due settimane di aprile. Il 20 gli ospiti sono stati due punte di diamante della scena satirica (e non) di origine labronica, Daniele Caluri ed Emiliano Pagani, ovvero i Paguri, padri di molti antieroi del Vernacoliere prima e di altri progetti poi in proprio (tra le altre cose Caluri ha collaborato anche per alcuni albi Bonelli). Il 27 invece è stata la volta del duo Francesco Ripoli Gianfranco Maffei entrambi autori per la casa editrice Becco Giallo, che da anni dà spazio al fumetto declinato all’impegno sociale ed alla salvaguardia della memoria storica del nostro paese. Ripoli, livornese di nascita ma cresciuto in provincia a Rosignano Solvay, nel 2007 ha esordito con il volume Ilaria Alpi: Il Prezzo della Verità (scritto da Marco Rizzo); Maffei, anche lui toscano “di mare”, ma della vicina Viareggio, nel 2011 ha presentato Viareggio. Una strage annunciata, graphic novel dedicata alla drammatica strage del 29 giugno 2009. 

La bianca linearità delle pareti di 70m2 si è così incrociata perfettamente con le chine ed i colori di quel linguaggio espressivo che è il fumetto, linguaggio che può essere utilizzato in diverse forme e modi e che varia da autore ad autore, garantendo diversi risultati mantenendo sempre l’efficacia della narrazione per immagini del nostro stesso mondo.

Ogni volta che si passeggia in questa città si scopre sempre qualcosa, angoli e posti interessanti…è così che ho scoperto questo studio un pomeriggio di qualche anno fà girovagando in bicicletta.

 

Informazioni generali

arch. Lucia Posarelli: lucia@70m2.it
arch. Marco Lulli: marco@70m2.it
arch. Marta Righeschi: marta@70m2.it
dott.ssa Alessandra Dini Hidalgo (resp. comunicazione)

 

https://www.facebook.com/pages/70m2/189063258660

 

http://www.70m2.it/filosofia.htm


foto: 70m2

 

Triglie? Rigorosamente “alla livornese”!

Triglieallalivornese.jpgA Livorno le triglie sono un pesce che và molto. Io le ho assaggiate e cucinate in vari modi ma la ricetta “alla livornese” non ha pari!

Sono dette e conosciute così, in realtà si tratta di un piatto della cucina ebraica, ma data l’abbondanza di triglie sia di scoglio che di rena (sabbia) nella costa livornese, sono entrate, per questo, nell’uso comune come il cacciucco.

Si prendono delle triglie di media grandezza, meglio se sono di rena invece che di scoglio (queste così dette “con i baffi” sono più adatte per la griglia e per il forno, ma è un eterno dilemma e dipende dai gusti). Di solito si preferiscono quelle di rena anche per friggerle.

Si puliscono cercando di lasciare intatto il fegato, che è molto saporito e si mettono in un tegame leggermente infarinate, dove si è fatto cuocere l’olio, conserva di pomodoro o meglio pomodori maturi se è la stagione (possono essere adoperati pomodori in scatola), uno spicchio d’aglio prezzemolo ed una punta di peperoncino, sale.

Una volta cotte da una parte, si lasciano raffreddare, perchè la triglia fredda è più difficile che si rompa nel girarla. Poi si finisce di cuocere ed ultima un’altra spruzzatina di prezzemolo fresco.

C’è tutta la ricchezza di questa città in questo piatto “povero” e tutta la vivacità del carattere labronico, semplice ma allo stesso tempo forte e deciso.