Premio Combat 2010

Fosso_bottini_dell'olio.JPGDa venerdì 7 maggio fino al 16 maggio gli ambienti espositivi dei Bottini dell’Olio (viale Caprera – Quartiere La Venezia) ospiteranno il Premio Città di Livorno per l’arte Contemporanea organizzato dall’associazione culturale Blob Art in collaborazione con il Comune di Livorno.

Intitolato Premio Combat 2010, con un chiaro riferimento ai cineasti americani della seconda guerra mondiale, il premio intende promuovere e valorizzare le espressioni dell’arte contemporanea in Italia. Come i cineoperatori americani militari durante la seconda guerra mondiale filmavano in prima linea e direttamente gli orrori della guerra per documentare ciò che stava accadendo, compreso gli episodi più cruenti, così il Premio Combat vuole ugualmente scendere in prima linea  per cercare i diversi percorsi all’interno del panorama  artistico italiano attuale e al tempo stesso documentare che cosa sta succ edendo.

Ottanta le opere in mostra selezionate da esperti critici (Cecilia Antolini, Francesca Baboni, Stefano Taddei, Alice Barontini, Alessandro Romanini e Micol Di Veroli) e divise per aree geografiche, ciascuna a sua volta divisa tra “under 50” e “Under 25”.

La mostra sarà inaugurata venerdì 7 maggio alle ore 17.30. Rimarrà aperta fino a domenica 16 maggio in orario dal lunedi al giovedì  15.30 -21.00; venerdì-sabato e domenica   11.00 – 22,30Ingresso gratuito.

Durante il periodo espositivo saranno organizzati «SUPER-VISIONI», un ciclo d’incontri articolati in dibattiti e interviste in cui personalità di spessore e conosciute (artisti, direttori di musei, curatori, critici e storici dell’arte) guideranno lo spettatore attraverso un’analisi a 360 gradi sull’attuale sistema dell’arte, mettendone in luce difetti e contraddizioni ma avviando anche riflessioni ed ipotesi per un suo –possibile?– cambiamento.

 

 

Per ulteriori informazioni:http://www.premiocombat.it/index.php

Foto: fosso davanti ai Bottini dell’Olio (Wikimedia)
Premio Combat 2010ultima modifica: 2010-05-07T08:47:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento