Sunny Day di Nicola Barghi

CopertinaSunnyDay.jpgCome promesso, vado a recensire questo disco del nostro vicino di casa Nicola Barghi, da Pontedera.

Sunny day è proprio un disco da giornate di sole, con canzoni che ti sorprendi a fischiettare e allora ti rendi conto che sta iniziando l’estate e la vita è una bella cosa…

I pezzi vanno dal puro british style alle canzoni più vicine alla nostra tradizione popolare. Da Coffe and Tv a La società dei Magnaccioni per intenderci… Il disco è suonato davvero bene e i testi anche molto simpatici.

Il buon Barghi è addirittura andato a farsi un “italian britpop tour” in quel di Londra, e mi dicono ha avuto anche un discreto successo: come se un inglese venisse qui a fare uno spettacolo di tarantella… fantastico!

Ultima chicca, nel disco è presente anche il video di “Senza di Lei” girato dai “nostri” cari Licaoni (di cui abbiamo già parlato su questo blog) e che potete ovviamente trovare su Youtube.

Tutte le info su www.nicolabarghi.com

 

 

Fortezza Festival

FortezzaVecchia.jpgConsueto post del venerdì con segnalazione di alcuni appuntamenti per il weekend. Questa settimana segnalo il Festival di Teatro, Musica e Danza della Fortezza Vecchia organizzato dal Centro Artistico Grattacielo.

Il festival è iniziato ieri e durerà per tutto il weekend con molti eventi di grande interesse. Per tutti gli altri appuntamenti del weekend, come sempre, vi rimando sulle preziose pagine di Li per Li.

 

FORTEZZA FESTIVAL – I edizione
TEATRO MUSICA DANZA
3, 4, 5, 6 giugno 2010
Fortezza Vecchia di Livorno

Venerdì 4 giugno

20.00 h Roberto De Sarno “Atto d’amore”
21.00 h CESAR BRIE “Albero senza ombra”
21.00 h Niki La Rosa
22.00 h VIRGINIANA MILLER
23.30 h Tony Clifton Circus “Rubbish Rabbit”
23.30 h Simone Lenzi (Virginiana Miller) e Simone Marchesi (Princeton University) L’America spiegata in collaborazione con “Imparare a stare al mondo” di Armunia Festival Costa degli Etruschi
24.00 h dj set

Sabato 5 giugno

19.00 h Laboratorio César Brie
20.30 h GIORGIO ROSSI – Sosta Palmizi “Scarpe”
21.30 h La Banda di Stanislav Motov
The Jackie-O’s Farm
BAD LOVE EXPERIENCE
23.30 h Silvia Gallerano “Assola”
24.00 h dj set

Domenica 6 giugno

19.00 h Laboratorio Giorgio Rossi
20.00 h LUCIA CALAMARO “Autobiografia della vergogna”
21.30 h Compagnia Klupper “30°6 0°90°”
22.00 h Carneigra
22.30 h Valerio Michelucci “Bellas Mariposas”

intero 10 euro
ridotto* 8 euro
abbonamento 4 serate 25 euro (20 euro ridotto*)
abbonamento 3 serate 21 euro (18 euro ridotto*)

* studenti, over 65, soci Coop, soci Centro artistico Il Grattacielo

Foto: Fortezza Vecchia (Fotolivorno.net)

La colpa di vivere – Romanzo livornese

barbara goti presentazione libro.jpgForse è un po’ infantile ma la mia più grossa invidia nei confronti degli intellettualoni che fanno conferenze e scrivono articoli sui giornali nazionali non è la popolarità, non sono i soldi ma è solo la possibilità di ricevere gratis libri, dischi e biglietti per concerti per fare recensioni! Tutto il giorno a leggere e scrivere. Ed essere anche pagati per questo… incredibile.

Grazie a questo piccolo blog di Virgilio che sta guadagnando ogni giorno qualche lettore, e anche a quei simpatici bischeri di Li per Li che mi fanno promozione, ho ricevuto già un libro e un disco, dati a me apposta per essere recensiti… Incredibile! Ancora nessuno mi paga per fare questo ma è già una bella soddisfazione…

Ringrazio quindi pubblicamente Barbara (Goti) e Nicola (Barghi) per la fiducia e invito altri scrittori/cantanti/artisti a contattare Li per Li o anche la mia email (oggiscrivoafranco@gmail.com) per inviare le loro opere.

Per le recensioni ufficiali del blog parto con il libro di Barbara per cavalleria e anche perché è più legato a Livorno.

La colpa di Vivere – di Barbara Goti

La Colpa di Vivere è davvero un bel romanzo, che si legge volentieri. Un classico pulp che ricorda un po’ la rapidità di sguardo e l’incisività di Carlotto, con un finale molto intenso. Qui la protagonista è Anna Rodomonti, una giornalista che indaga su un “mostro” che uccide delle ragazzine dopo averle adescate. I personaggi sono tutti ben approfonditi e molto amabili. E questa secondo me è una delle cose più importanti per un romanzo. Anna è una donna adorabile, con la sua forza e le sue debolezze. Tutti gli altri non fanno solo sfondo, ogni personaggio ha qualcosa da dire e da dare. E Livorno è protagonista quanto Anna; bello leggere questo libro anche per questo, ci si sente a casa…

Non sono un grande amante dei gialli e dei noir, e forse qualche esperto potrebbe dire che questo libro presenta anche qualche piccola ingenuità da “opera prima”, ma tutto questo vale poco rispetto alla voglia di vedere che combina quella simpatica livornese alle prese con il mostro e i suoi guai familiari…

Quindi consiglio assolutamente questo libro, perfetto anche sotto l’ombrellone ai Pancaldi.

Nella foto: l’autrice alla presentazione del suo libro