Weekend

logo liperli.jpgQuesta settimana Effetto Venezia entra nel vivo… E poi per questo weekend vi segnalo ancora altri appuntamenti interessanti

Premio Rotonda 2010 @ Rotonda dell’Aredenza

Oltre il Grande Rettile @ Villa Mimbelli

Sabato L’officina del Ritmo @ Collinarea Festival (LARI)

Festival letteratura Costa Etrusca @ Parco Villa Guerrazzi

Sabato Socialismo e Barbarie con Fatur @ Festa Liberazione Rosignano Solvay

Sabato Gatti mezzi @ Porto Cala de’ Medici

Rassegna d’Arte @ Vertigo

Domenica Alessio Franchini @ Missisipi Pub

 

Cala del Leone

calaleone.jpgProseguendo il nostro tour sul litorale livornese a mo’ di piccola guida turistica, mi rendo conto che non ho ancora parlato di una delle spiagge più amate della città: la cala del leone.

Meta di bagni e falò da che esiste l’uomo credo, la “cala” si trova qualche chilometro a sud di calafuria; quindi per arrivare è necessario munirsi di macchina, o meglio ancora motorino per i problemi di parcheggio; la bici resta un po’ impegnativa per qualche tratto di salita dura… ma per chi ha le gambe buone…

La macchina si lascia sulla strada dove si può e, al cartello Cala del Leone, si inizia la discesa nella macchia mediterranea. La passeggiata sarebbe anche bellissima se non fosse per i rifiuti lasciati un po’ ovunque… Stendiamo il solito velo.

L’accesso alla spiaggia è un po’ difficoltoso perché è necessario fare un pezzo di discesa su rocce piuttosto scoscese, alla maniera di manolo.

Poi quando si arriva lo spettacolo del posto vale il viaggio… Una spiaggia tra altissime rocce tutto intorno e mare bellissimo. Il castel Sonnino a dominare dall’alto, e chissà che i ricchi proprietari non preferirebbero arrivare anche loro alla cala al tramonto in vespa e fare il falò sulla spiaggia con vino e chitarra…

Foto: Quercianella info

Acquario…

ingresso taglio nastro.JPGSabato ho finalmente visitato l’acquario e grazie ai potenti mezzi di LiperLi sono riuscito anche ad avere un accredito stampa per assistere all’inaugurazione ufficiale con tutti i discorsoni di rito…

Allora, innanzitutto, senza nessuna malevolenza, bisogna dire che -dopo più di undici anni di lavori e almeno dieci date annunciate e poi rinviate nell’ultimo anno- l’inaugurazione si è fatta con l’acquario che era indubitabilmente ancora NON finito: all’esterno il cantiere è ancora assolutamente aperto, all’interno ci sono ancora moltissime cose da fare, non solo dentro le vasche; e questo è abbastanza grave, anche per la pompa magna in cui si è fatta l’inaugurazione e i relativi annunci… Qui sotto alcune foto della situazione a sabato 31 luglio.

 

esterno 1.JPG

esterno 2.JPG

interno 1.JPG

interno 2.JPG

 

 

 

 

 

 

 

Speriamo che prossimamente l’acquario, oltreché aperto, sia anche completato…

Poi, alcune considerazioni sui discorsi inaugurali ascoltati. Per tutti quanti, Sindaco in primis, l’acquario è un’occasione per rendere la città competitiva anche dal punto di vista turistico e servirà anche molto per insegnare ai bambini a conoscere e ad amare il mare… Può darsi che io non sia abituato al linguaggio della politica, ma mi chiedo: come si conciliano queste belle parole con il progetto rigassificatore off-shore, ad esempio?

Va be’, passiamo alle note liete… La cosa positiva è che l’acquario finalmente c’è ed è decisamente bello; o meglio può diventare veramente bello… Molte vasche, alcune grandi alcune meno, ma tutte molto interessanti. I pesci non ci sono ancora tutti e mancano ancora molte indicazioni didascaliche sulla vita del mare e dei pesci, però l’impressione è decisamente positiva. I pesci si possono vedere da vicino e sembrano inseriti bene nel loro habitat. Ulteriore aspetto positivo è che grande importanza è stata data al “nostro” mare e non solo – come spesso succede – ai pesci tropicali. La coreografia interna è anche molto suggestiva con rocce e rumori marini che accompagnano i visitatori (allego qui sotto alcune foto – scusate la qualità si vede che non sono un fotografo…).

pesci 1.JPGpesci 2.JPGpesci 3.JPG

 

 

 

 

 

Ultimo appunto però, il prezzo di ingresso mi sembra decisamente alto. Capisco quanto possano essere impegnativi i costi di gestione, ma 15 euro per il biglietto intero è davvero tanto; anche considerando il fatto che, pure soffermandosi molto, il giro si fa massimo in un’ora.