25 per sempre

25morosini.jpgE’ lunedì…ma il sabato a Livorno non è stato un sabato come tutti gli altri…mentre il sole decideva che non sarebbe uscito e che la pioggia avrebbe bagnato un solito pomeriggio di calcio. Un pomeriggio come tanti altri fino al trentesimo minuto quando un ragazzo di venticinque anni si accascia sull’erba di un campo diverso e lontano da quello “baciato dal sole” dell’Armando Picchi: così è intitolato lo stadio comunale di Livorno, nel quartiere Ardenza, vicino a quel mar sovente “increspato dai venti..”.

Il campionato è quello di serie B, il campo quello di Pescara, dove la squadra amaranto stava giocando in trasferta, 25 il numero di quella maglia che d’un tratto diventa inanimata. La maglia è quella di Piermario Morosini. Il destino lo aveva portato da pochi mesi (gennaio) nella nostra città, ed il destino ha deciso che a questa città doveva ineluttabilmente rimanere legato per sempre.

Il tempo per un attimo si ferma, come un fermo immagine televisivo, ma la vita continua inesorabilmente a scorrere in quei momenti che rimarranno impressi per sempre negli occhi della gente… dove le lacrime si mischiano alla pioggia che fino a notte fonda continua a cadere sulla nostra città quasi a voler cancellare quelle immagini di una grigia giornata.

Quella gente che da subito attraverso internet (da Facebook a Twitter) ha seguito la drammatica vicenda conclusasi in un tempo amaramente breve, la stessa gente che, appresa la notizie della morte di quel giovane con il n°25 sulle spalle, ha espresso prima in rete tutta la tristezza, la rabbia, ma anche la solidarietà e l’affetto per questo giovane uomo morto con la maglia amaranto addosso, per poi radunarsi in una folla commossa la domenica mattina davanti al Picchi, sul Piazzale Montello, dove la bandiera amaranto sventola triste e a mezz’asta e dove uno striscione firmato Curva Nord recita “Nella tua vita hai lottato in campo l’hai dimostrato”. Questo inaspettato nuovo lutto (che cade alla fine di una settimana caratterizzata dalla commemorazione delle vittime del Moby Prince) ha scosso una città intera. Ma è tutta l’Italia ad essere stata colpita, e per una volta il “gioco” è stato interrotto: la FGCI ha sospeso i campionati, in altre competizioni sportive è stato osservato un minuto di silenzio e molti ultras e tifosi hanno voluto ricordare il giovane Piermario, da Pescara a Bergamo. Morosini è stato ricordato anche in altri stadi del mondo, dall’Inghilterra al Canada, alla vicina Spagna: a Madrid il giocatore amaranto è stato omaggiato con le musiche di Morricone (da C’era una volta il West) o a Valencia dove un tifoso del Barcellona ha esposto un cartello listato a lutto “Morosini siempre con nosotros”. Rimane un grande vuoto ed un diffuso sentimento d’impotenza.

La maglia n° 25 nel frattempo è stata ritirata e rimarrà per sempre la maglia del “Moro” alla cui memoria sarà dedicata la prossima partita interna del Livorno dove tutti i tifosi si sono dati moralmente appuntamento per salutarlo intonando al cielo alcune delle nostre parole più care..

 

Campi e prati baciati dal sole,
Il bel mare increspato dai venti,
ecco i luoghi dei nostri cimenti,
i teatri del nostro valor…

foto: gazzetta.it

25 per sempreultima modifica: 2012-04-16T08:00:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “25 per sempre

  1. Ciao, sono il tuo “collega” del blog di Padova. Grazie per questo bel post che avrei voluto scrivere anch’io ma non avevo proprio parole… Il Moro ha giocato mezzo campionato anche nel mio Padova e anche qui lo ricordiamo con profonda tristezza e affetto per come si era fatto ben volere come persona e come giocatore generoso e con tanta voglia di emergere attraverso l’impegno ed il sacrificio. Venerdì sera il Padova giocherà contro il Pescara e senz’altro le due squadre e le due tifoserie ricorderanno Piermario come si deve. Ciao Moro!

  2. Mi confermate ke la legea per la partita di sabato, in ricordo di Morosini, vendera’ prodotti ufficiali del Livorno a prezzi stracciati devolvendo parte della somma alla sorella? A livorno gia’ gira questa notizia…x me sarebbe una grande iniziativa

Lascia un commento