70m2 che lasciano il segno!

70M2TavoleFumetti.jpg

Nel cuore di questa strana e contraddittoria città d’adozione che è Livorno, a due passi dall’Attias ed ancora meno da P.zza della Vittoria, è nato pochi anni fa su iniziativa di 3 architetti lo studio d’architettura nonché spazio espositivo 70m2, un luogo che da subito si è connotato come contenitore capace di adattarsi al contenuto ospitato all’insegna della contaminazione tra ambiti, arti e differenti discipline, espressi da individui e gruppi accomunati dalla creatività e dalla ricerca. Nei 70 metriquadrati di Via Poggiali 10 (questo l’indirizzo preciso) si sono incontrati nel tempo architettura, cibo, design, fotografia, musica, e spesso calici di buon vino.

Recentemente 70m2 ha dato spazio ad una delle tante discipline artistiche che hanno forte tradizione in città in termini di esperienza e talento espresso, ovvero il fumetto (comprendendo l’illustrazione in genere, quindi anche declinato alla vignetta, alla satira: non a caso Livorno è la casa madre del mensile satirico di respiro nazionale Il Vernacoliere), con l’allestimento “Lasciare il segno”, strutturato sull’esposizione di alcune tavole inedite e non di 4 autori che hanno animato due differenti appuntamenti nelle ultime due settimane di aprile. Il 20 gli ospiti sono stati due punte di diamante della scena satirica (e non) di origine labronica, Daniele Caluri ed Emiliano Pagani, ovvero i Paguri, padri di molti antieroi del Vernacoliere prima e di altri progetti poi in proprio (tra le altre cose Caluri ha collaborato anche per alcuni albi Bonelli). Il 27 invece è stata la volta del duo Francesco Ripoli Gianfranco Maffei entrambi autori per la casa editrice Becco Giallo, che da anni dà spazio al fumetto declinato all’impegno sociale ed alla salvaguardia della memoria storica del nostro paese. Ripoli, livornese di nascita ma cresciuto in provincia a Rosignano Solvay, nel 2007 ha esordito con il volume Ilaria Alpi: Il Prezzo della Verità (scritto da Marco Rizzo); Maffei, anche lui toscano “di mare”, ma della vicina Viareggio, nel 2011 ha presentato Viareggio. Una strage annunciata, graphic novel dedicata alla drammatica strage del 29 giugno 2009. 

La bianca linearità delle pareti di 70m2 si è così incrociata perfettamente con le chine ed i colori di quel linguaggio espressivo che è il fumetto, linguaggio che può essere utilizzato in diverse forme e modi e che varia da autore ad autore, garantendo diversi risultati mantenendo sempre l’efficacia della narrazione per immagini del nostro stesso mondo.

Ogni volta che si passeggia in questa città si scopre sempre qualcosa, angoli e posti interessanti…è così che ho scoperto questo studio un pomeriggio di qualche anno fà girovagando in bicicletta.

 

Informazioni generali

arch. Lucia Posarelli: lucia@70m2.it
arch. Marco Lulli: marco@70m2.it
arch. Marta Righeschi: marta@70m2.it
dott.ssa Alessandra Dini Hidalgo (resp. comunicazione)

 

https://www.facebook.com/pages/70m2/189063258660

 

http://www.70m2.it/filosofia.htm


foto: 70m2

 

70m2 che lasciano il segno!ultima modifica: 2012-05-09T09:39:29+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento