Bidonville…effetto tragedia!

effetto venezia, bidonville, teatrofficina refugio, loungerieVi avevo segnalato invitandovi a non perdervela la performance “Bidonville” che durante tutta la scorsa settimana è andata in scena al Teatro Officina Refugio, lo spazio occupato nel cuore del quartiere Venezia, dove ieri si è conclusa l’edizione 2012 di Effetto Venezia.

E per tutta la kermesse, ieri compreso, i suoni ed i cori di Bidonville sono rimbalzati sera dopo sera in ogni angolo del quartiere accompagnando tutti e tutte coloro che hanno assistito (e sono stati tanti, tanti) a questo piccolo grande capolavoro che ha colpito nel segno scuotendo le coscienze rispetto ad una questione che da mesi grava su questa città: quella dei bidoni tossici dispersi in mare dal Cargo Venezia (quando si dice il caso) nel dicembre 2011. Su questa vicenda ho scritto anche io un post alcune settimane fa.

 

Non è la prima volta che il collettivo del TOR (Teatro Officina Refugio) durante Effetto Venezia organizza e propone delle performance fuori programma lungo le spallette degli Scali del Refugio, da “Gli Speculatopi” a “Formiche”, ma “Bidonville” per varie ragioni è forse la “produzione” più riuscita. Sicuramente la più coinvolgente ed emozionante. Non è un caso che in tanti siano usciti commossi dal teatro dopo aver assistito a questi 15 minuti circa di spettacolo. Già perché questa volta per ragioni logistiche la performance è stata fatta dentro il Refugio e non fuori: è forse è stato l’unico limite, non perché dentro non si vedesse bene, ma perché questo lavoro, frutto dell’ingegno, della creatività e dell’impegno tutto volontario dei militanti/attori del TOR al quale si sono aggiunti cittadini, cantanti e musicisti della scena labronica (hanno partecipato ad esempio elementi provenienti da gruppi come Loungerie, The Walrus, Lip Colour Revolution, Zedded, Villa Sound), meritava e merita ancora di essere visto da ancora più persone di quelle che riescono ad entrare nel Refugio.

 

Un lavoro collettivo dicevamo. Un lavoro condiviso da più di venti persone. Ritmo, cori, voci, chitarre e un filo conduttore che ricostruisce la vicenda dando allo spettatore le informazioni utili a comprenderne la gravità. Un coro accusatorio, a riprendere la tradizionale struttura e ruolo del teatro  classico greco, che ha squarciato i luoghi comuni rispetto all’immediatezza delle operazioni di recupero e alla presunta relatività del problema.

 

E non è un caso che nonostante settimane di ricerche, essendo passato così tanto tempo, alcune decine di bidoni tutt’oggi sono ancora dispersi e che alcuni di quelli recuperati naturalmente molti erano aperti.

 

Come cantano con ironica amarezza durante Bidonville: “trentottomilaaaaa kili di veleno nel mareeeee…”

 

 foto: Mattia Bonucci

“Effetto” weekend

effetto venezia 2012Un nuovo caldissimo week-end ci aspetta a Livorno. Farsi un giro per il quartiere Venezia, per gli ultimi tre giorni dell’edizione 2012 della kermesse estiva labronica Effetto Venezia (per quanto sia sotto tono rispetto ad anni passati è sempre godibile), o due passi sulla Terrazza o alla Rotonda, dove sabato prende il via la 62esima edizione del Premio Rotonda, sono valide alternative per goderselo fuori in compagnia della brezza della sera.

Senza dimenticare l’iniziativa in programma per sabato 4 per salutare con un bacio collettivo l’ex Cinema Teatro Gran Guardia, chiuso da anni ed in via di trasformazione in grande magazzino.

Assolutamente da non perdere invece la performance che va in scena alle 22 al Refugio: Bidonville. La foto è per voi.

Buon week-end

 

 

 

Venerdì 3 Agosto

 

10:00 – 16:00 Corsi estivi per Bambini @ Villa Trossi Uberti

 

ore 21.30  L’amore dura tre anni di Frédéric Beigbeder @ Arena Ardenza

ore 21.30 Le Idi di marzo, di G. Clooney @ Arena Villa Fabbricotti

ore 21.30  Midnight in Paris di W. Allen @ Arena La meta

 

Dalle ore 19.00 – EFFETTO VENEZIA @ Quartiere Venezia

ore 22.05: Piazza del Luogo Pio [Palco Omero] La Taranta della Luna Nuova

(Programma completo del giorno 3)

 

Ore 22.00 – Bidonville @ Refugio, Scali del Refugio, Quartiere Venezia

 

 

 

 

Sabato 4 Agosto

 

10:00 – 16:00 Corsi estivi per Bambini @ Villa Trossi Uberti

 

Ore 19.30 Flash Mob Gran Guardia @ Ex Cinema Teatro La Gran Guardia, Via Grande

 

Ore 21,00 Inaugurazione della 60^ Edizione del Premio Città di Livorno ” Rotonda 2012″ @ Rotonda di Ardenza

 

Ore 21,00 Cena con delitto @ Terrazza Bagni Pancaldi (Per Info: 377 – 53.57.101)

 

ore 21.30  Com’è bello far l’amore di Fausto Brizzi @ Arena Ardenza

ore 21.30  The Amazing Spider-Man di Marc Webb@ Arena Villa Fabbricotti

ore 21.30  Posti in piedi in paradiso di Carlo Verdone @ Arena La meta

 

Dalle ore 21.00 BeerBeerQ with PRIMITIVE VINYLUS DJ SET @ Surfer Joe Dinner, Piazzale Mascagni 2 (accanto all’Acquario)

 

Dalle ore 19.00 – EFFETTO VENEZIA @ Quartiere Venezia

Ore 22.05 Piazza del Luogo Pio [Palco Omero] “Oblivion Show”

(Programma completo del giorno 4)

 

Ore 22.00 – Bidonville @ Refugio, Scali del Refugio, Quartiere Venezia

 

 

 

Domenica 5 Agosto

 

10:00 – 16:00 Corsi estivi per Bambini @ Villa Trossi Uberti

 

Ore 20,00 Premio Rotonda: Mare DiVino sotto le stelle. Banco di degustazioni dei vini della costa Etrusca (a cura della FISAR Livorno) @ Rotonda di Ardenza

 

ore 21.30  Il pescatore di sogni di L. Hallström@ Arena Ardenza

ore 21.30 Immaturi – Il viaggio di Paolo Genovese @ Arena Villa Fabbricotti

ore 21.30  Quasi Amici di  O. Nakache, É. Toledano@ Arena La meta

 

Ore 22.00 Surfin’ Sunday with LINK PRETARA & The Rudimentals @ Surfer Joe Dinner, Piazzale Mascagni 2 (accanto all’Acquario)

 

Dalle ore 19.00 – EFFETTO VENEZIA – Ultima serata @ Quartiere Venezia

Ore 21.35 Piazza del Luogo Pio [Palco Omero] Agapé (regia è di Lamberto Giannini, Lucia Picchianti, Francesca Vivarelli, Claudia Mazzeranghi e Marianna Sgherri)

(Programma completo del giorno 5)

 

Ore 22.00 – Bidonville @ Refugio, Scali del Refugio, Quartiere Venezia

 

 foto: Mattia Bonucci

 

Per il programma completo di Effetto Venezia: http://www.livornoeffettovenezia.it/

Dalle luci rosse alle luci spente

via michon, cinema jolly, via verdi, piazza cavourVi ricordate che qualche settimana fa vi ho scritto a proposito di Via Michon? Quella piccola strada che corre parallela a Via Verdi e che da Via Adua sbuca nella centralissima P.zza Cavour.

In quell’occasione ricordai, volendo sottolineare la vocazione “culturale” della Via (che ospita varie realtà che si occupano di arte), la presenza di un edifico storico importante, ad angolo con Via degli Apostoli, ovvero dell’Ex Cinema Salone Margherita, poi noto come Cinema Jolly, la sala cinematografica in attività più vecchia di Livorno: fu aperta al pubblico il 18 maggio del 1913.

Da anni ormai era gestito come cinema “a luci rosse” con programmazione per soli adulti, grazie alla costanza del vecchio proprietario, scomparso anche lui recentemente, Ilario Ferri (alcuni anni fà perse l’occasione di garantire continuità futura al cinema rifiutando la proposta di un altro noto amante del Cinema e a sua volte esercente, Serafino Fasulo).

Beh, da alcune settimane anche quelle luci rosse si sono spente. Sulle due ante del portone di accesso, coperte dall’interno da carta bianca, dal 5 Luglio campeggiano due cartelli: a sinistra CHIUSO a destra CESSATA RIPRODUZIONE CINEMATOGRAFICA.

Un altro pezzo di storia della città che finisce. Anche se c’è da augurarsi che l’edifico venga salvaguardato nella sua integrità strutturale e nella sua vocazione spettacolare e culturale. Per quanto l’edifico, esempio di stile liberty,  sia privato per la sua storia è di fatto patrimonio collettivo. E la collettività, la città, dai singoli, alle associazioni culturali, alle istituzioni, dovrebbero imparare a farsene carico.

Arriverderci Salone Margherita.

 

Segnaliamo anche:

http://ondamarmugi-livorno.blogautore.repubblica.it/2012/07/08/la-chiusura-del-porno-cinema-jolly/