Qui Livorno

Quilivorno.jpgPresentiamo con gioia una nuova iniziativa editoriale: QuiLivorno.it. Eravamo molto curiosi di leggere questo nuovo giornale che era stato annunciato con una bella campagna pubblicitaria.

Qui Livorno si presenta come un quotidiano On-Line sui fatti cittadini. L’idea in fondo è molto semplice ma direi abbastanza rivoluzionaria, perché il giornale è soltanto on-line: in edicola non c’è nulla. Particolare da non sottovalutare, poi, è che il sito è completamente gratuito e si regge soltanto sulla pubblicità.

La redazione è giovanissima, sembra che nessuno dei giornalisti del giornale arrivi a trent’anni: complimenti davvero!

Qui Livorno si chiama “quotidiano” ma viene aggiornato durante tutto il “giorno”, quindi bisognerebbe trovare anche un’altra parola per descriverlo…

Ovviamente, trattandosi di giornale on-line molta attenzione è data all’interazione con i lettori che possono inviare notizie e video. Il settore Video del giornale, con un nuovo canale su Youtube, mi sembra molto ben fatto e, ovviamente, non manca neppure la fan-page su Facebook dove verranno continuamente postate le notizie del giornale.

Poi ci sono rubriche di servizio come “Ho smarrito…”, dove si possono segnalare smarrimenti e ritrovamenti, “Caro Sindaco”, per scrivere al primo cittadino (a proposito: qualcuno si chiede a che punto sono i ponteggi di Via De Larderel!…), oltre agli immancabili “Auguri” e “Posta dei lettori”…

Insomma sembra davvero una cosa ben fatta! Unico appunto, noto non troppa attenzione per l’italiano e questo un po’ mi dispiace… Forse è il prezzo da pagare nel passare dalla carta al digitale ma mi auguro che andando avanti si migliori anche quest’aspetto.

E allora un grosso in bocca al lupo per il futuro e complimenti vivissimi per quanto già fatto ai ragazzi di QuiLivorno.

Senza Soste

senzasoste.jpgSenza Soste è sicuramente il giornale più interessante che si possa leggere in città. L’unico giornale in cui si facciano approfondimenti di un certo spessore su politica e società, sia a livello cittadino che nazionale ed internazionale. Nato qualche anno fa come giornalino della curva più rossa d’Italia, oggi Senza Soste – che nella versione cartacea ha cadenza mensile – è letto e apprezzato da gente di ogni opinione politica e ha acquisito, oserei dire, un’autorevolezza fuori discussione. Autorevolezza intesa come fiducia nell’indipendenza di chi scrive e come capacità di fare opinione.

Se prosegue su questa strada, spero che Senza Soste possa diventare sempre di più una buona bussola per la confusa sinistra livornese e in definitiva un elemento di dialogo intelligente per tutta la città.

Il sito è continuamente aggiornato ed è interessante quanto il giornale (www.senzasoste.it).

Senza Soste nelle edicole si vende ad offerta libera, ma molto più comodo l’abbonamento annuale che ha un’offerta minima di 20 Euro e che consente di aiutare la libera associazione editoriale.