Piazza Cavour

piazza cavour.jpgTra le molte cose particolari della viabilità livornese c’è Piazza Cavour. Per arrivare dagli scali degli Olandesi a quelli Manzoni – o viceversa – (totale in linea d’area di nemmeno 20 metri) bisogna attraversare tutta la città; cioè: Scali-Voltone-FortezzaNuova-ViaSanGiovanni-FortezzaVecchia-Banchine-Scali o contrario da Via Grande… vien male solo a dirlo, figuriamoci a farlo…

E per questo motivo infatti, l’isola pedonale di Piazza Cavour è la più violata d’Italia credo… I proprietari di motorini (compreso il sottoscritto quando ci si trova) aggirano il divieto scendendo comodamente a piedi e trasportando il mezzo come fosse rotto (ovviamente acceso), sotto gli occhi comprensivi dei vigili e del vecchio Camillo; le macchine invece spesso ci provano, rischiando grosso; non ho ancora visto nessuno scendere di macchina e spingerla spenta, ma chissà prima o poi…

Io mi chiedo che senso ha tutto questo? Perché spezzare la città in due chiudendo proprio la piazza più baricentrica? Forse un senso c’è ma io non lo vedo… Non basterebbe, lasciando pure la piazza pedonale, aprire solo una striscia di passaggio aperta al traffico, magari con un semaforo?

Chi mi dà una risposta?…

Foto (WikiMedia): Piazza Cavour