Ultima chiamata

lucarelli_0.jpgDopo sette partite, 3 punti: 3 pareggi e zero vittorie. Non sarebbe nemmeno molto grave questo semplice dato, visto anche il calendario pesante delle prime giornate, se non ci fosse anche l’avvilente 1 nella tabellina dei gol fatti e una sensazione di grave impotenza in attacco.

La cosa più preoccupante infatti è proprio questa incapacità della squadra di creare gioco in avanti e ancora di più la timidezza dei nostri bomber più importanti Lucarelli e Tavano.

Abbiamo giocato buone, e a tratti ottime, partite con Fiorentina, Juve e Milan mentre invece non siamo riusciti a esprimerci allo stesso livello con le squadre alla nostra portata. Questa è un’altra cosa molto preoccupante, indice di un atteggiamento poco aggressivo nei momenti che contano. Non si può giocare bene solo per fare bella figura contro la Juve, bisogna giocare bene e vincere contro Cagliari, Siena ecc…

Lucarelli dice ha bisogno di tempo per entrare in forma, ma da lui si vorrebbe anche un atteggiamento agonistico diverso. Un episodio emblematico secondo me: uscita alta del portiere del Siena, Lucarelli salta, si scontrano in una normalissima azione di gioco; il portiere del Siena dopo la presa lo aggredisce a muso duro per la presunta scorrettezza, lui si fa piccinissimo e chiede umilmente scusa… Cristiano ti vogliamo più cattivo! Non dico di rispondere alle provocazioni ma sei un bomber che ha segnato più di cento gol, sei grosso, fatti rispettare… devono avere paura di te e di tutti noi!

Una settimana ancora di riposo e poi con il Palermo siamo già all’ultima chiamata per non dover vivere un campionato tutto a rincorrere. Ci vuole una vittoria convincente, un atteggiamento convinto e cattivo, bisogna fare gioco a buttare la palla dentro. Nessun discorso, nessuna recriminazione, nessun vittimismo, solo Livorno!