Miracolo a La Vela

baracchina la vela, Accademia, Bobo Rondelli, Paolo VirzìQualche anno fa su questo blog vi abbiamo parlato di una delle poche spiaggette libere di Livorno (città anomala per quanto riguarda l’accessibilità libera al mare, un po’ per conformazione fisica, un po’ per interessi), ovvero della spiaggia della Vela, subito dopo gli scogli dell’Accademia e prima dei Bagni Fiume. Spiaggetta libera che è “assistita” dall’omonima baracchina/bar che dal 2008 mette a disposizione dei bagnanti il noleggio di lettini da spiaggia.

Il noleggio dei lettini in questi anni è diventato così un appuntamento fisso per molti e le ultime estati sembra davvero essere diventato un must. Direte voi, che c’è di così strano o interessante?

Beh, provate ad andare sulla spalletta dietro La Vela e dare un’occhiata verso il mare: quello che vedrete non è poi così usuale. Per chi non fosse in zona poi basta che si riguardi il documentario su Bobo Rondelli che ha fatto Paolo Virzì nel 2009, L’uomo che aveva picchiato la testa, che inizia e finisce proprio in questo tratto di costa labronica.

A parte rare eccezioni infatti quasi tutti i lettini non trovano collocazione sulla spiaggetta che vi dicevo sopra ma sono sparpagliati sulla spianata rocciosa a raso del mare (elemento tipico del litorale labronico, ve ne ho parlato anche a proposito del Palio Marinaro), praticamente in mezzo al mare, su una sorta di secca, tra pesci e favolli. Ed allora vedi persone (grandi e piccini) più o meno cariche di borse, a piedi nudi o con ciabatte, asciugamani e vivande che quasi “miracolosamente” (a vederli sembrano camminare letteralmente sull’acqua) raggiungere i punti più improbabili ed impervi. Ma fidatevi, ne vale la pena. Quindi, che fa anche rima, tutti alla Vela!