Livorno noir, Livorno pulp! Win For Death. L’ultimo reality di Daniele Cerrai

 

daniele cerrai, libreria gaia scienza, win for death, Più si vive a Livorno, più si scoprono aspetti a prima vista nascosti della sua identità. Un’identità multipla, plurale, espressa a più voci e raccontata da diversi punti di vista attraverso varie attività, discipline, linguaggi. Tra questi anche la scrittura, la letteratura, anche se, a dire il vero, fino ad alcuni anni fà latitava una vera e propria narrativa di autori labronici (ricca invece la tradizione poetica e la saggistica), soprattutto delle generazioni più giovani, quelle cresciute tra la fine degli anni ’70 e la metà dei ’90. Poi, anno dopo anno, hanno iniziato ad emergere dai cassetti racconti e storie e ci siamo imbattuti in nuove opere ed in nuovi autori: da Emiliano Dominici ad Aldo Galeazzi, entrambi ad esempio editi dalla locale casa editrice Erasmo, legata alla Libreria Gaia Scienza, che si trova in pieno centro (via di Franco 12).

 

Tra questi ne spicca però uno, decisamente atipico (come molti contratti di lavoro del nostro tempo), che negli ultimi anni ha saputo dare continuità alla scrittura nella forma romanzo, creando per altro un’ottima sinergia tra il libro ed internet: Daniele Cerrai. Nato a Livorno nel 1977, esperto in tematiche ambientali e molto attivo e conosciuto in città e non solo per il suo impegno sociale, Cerrai ha esordito nel 2009 con Non è tempo di eroi (Zona), un romanzo pulp ambientato in una città di porto che somiglia tanto alla nostra Livorno, nella quale l’autore si addentra, fino al cuore, scoprendone l’ “orrore” nascosto. Poi nel maggio del 2011 ha bissato con la pubblicazione de Il circo Ivankovic (Round Robin), un romanzo ambientato in una generica periferia di una ancora più generica cittadina di provincia, dove il senso comune è geneticamente modificato e condizionato da falsi miti, cattiva cronaca e leggende metropolitane. Ed arriviamo così al recente Win for Death. L’ultimo reality, il suo terzo romanzo, questa volta autoprodotto e distribuito (da metà aprile scorso) inizialmente in rete in formato PDF, per poi trovare sostanza cartacea, con la formula del Creative Commons (nell’edizione stampata e pubblicata da MediaPrint Livorno). Un racconto polifonico ambientato in una Roma del nostro tempo all’orizzonte del quale si profila una sorta di apocalisse, come si dice vorrebbe il famoso calendario Azteco, nel quale agiscono, cinici, quattro oscuri personaggi legati ad una società segreta dedita ad inventarsi svaghi, fino ad inventarsi lo svago finale, ovvero giocare, scommettendo, sulla (e con la) vita degli altri.

 

Buona lettura!

 

Domani pomeriggio il libro sarà presentato alla libreria Gaia Scienza alle ore 18, ovviamente alla presenza dell’autore introdotto da Paolo Bruciati.

 

 

 

“Win For Death – L’ultimo reality” booktrailer

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=vM_atvpZqao

 

http://www.editricezona.it/nonetempodieroi.htm

 

http://www.ilcircoivankovic.it/

 

http://winfordeath.it/